MH – Material Handling: tecnologia dei nastri trasportatori: i passaggi tra...

MH – Material Handling: tecnologia dei nastri trasportatori: i passaggi tra nastri

MH – Material Handling propone soluzioni avanzate per il packaging alimentare

Le transizioni da un nastro trasportatore all’altro sono un elemento critico, ma spesso sottovalutato nella stesura del layout di stabilimento. Si rendono necessari ogni qual volta i tracciati da realizzare siano tanto lunghi da non riuscire a realizzare i collegamenti con una singola motorizzazione, e in ogni caso le macchine di confezionamento hanno a loro volta nastri di ingresso o di uscita.

Esistono tre tipi principali di passaggi tra nastri trasportatori: di testa – per affiancamento – trasferimento a 90°. I passaggi di testa possono inoltre essere realizzati con trasferimenti motorizzati.

I più comuni nel settore del packaging alimentare sono i passaggi di testa, in questo caso la transizione viene eseguita lungo l’asse del moto. Per eseguire il corretto dimensionamento vanno considerati i diametri di avvolgimento di estremità dei due nastri trasportatori e la lunghezza dei prodotti trattati: la corretta esecuzione del passaggio richiede che la lunghezza dei prodotti sia superiore alla somma della metà dei due diametri. Delle superfici di passaggio o dei rulli folli vengono spesso interposti tra i trasportatori per migliorare la stabilità dei prodotti in fase di passaggio e ridurre i saltellamenti.

I passaggi per affiancamento sono realizzati per mezzo delle guide laterali che spostano i prodotti da un nastro all’altro lateralmente. Questo tipo di passaggi è particolarmente indicato per prodotti alti e instabili e per prodotti piccoli che non riuscirebbero a superare il “buco” tra un nastro e l’altro in caso di passaggi di testa. Per contro, poiché lo spostamento viene eseguito per mezzo delle guide laterali, risultano più rischiosi nel caso in cui i prodotti presentino delle superfici che possano infilarsi tra le guide laterali e la catena e in questo modo creare degli intoppi o peggio danneggiare l’imballaggio.

I trasferimenti a 90° vengono realizzati alternativamente ad alta velocità, di fatto lanciando il prodotto da un nastro ad un altro che ha moto perpendicolare al precedente e cambiando in questo modo il senso di marcia, oppure a bassa velocità, facendo in modo che il moto del trasportatore di uscita faccia ruotare il prodotto durante il trasferimento.

I passaggi motorizzati sono un tipo particolare di passaggi di testa. Essenziali in tutte quelle occasioni in cui un prodotto piccolo, ma non adatto ad eseguire un passaggio per affiancamento, richiede di passare senza intoppi da un nastro all’altro. I passaggi motorizzati sono di solito dei nastri trasportatori di dimensioni contenute, con diametri di avvolgimento estremamente piccoli alle estremità che vanno a interfacciarsi con i diametri maggiori dei nastri a monte e a valle, permettendo in questo modo di ridurre al minimo il gap tra i trasportatori e consentire il passaggio anche a prodotti estremamente piccoli.

Conveyor belt technology: the passages between conveyors

MH – Material Handling proposes advanced food packaging solutions

Transitions from one conveyor to another are a critical element, but often underestimated in the planning of the plant layout. It is necessary every time the tracks are so long that they cannot make connections with a single motor, and in any case the packaging machines most of the times have inlet or outlet conveyors themselves.

There are three main types of passages between conveyor belts: Heads to head – Side by side – 90° transfer. The head passages can also be realized with motorized transfers.

The most common in the food packaging are the head to head passages, in this case the transition is performed along the axis of the motion. To carry out the correct dimensioning, the diameters of the ends of the two conveyor belts and the length of the treated products must be considered: the correct execution of the passage requires that the length of the products is greater than the sum of half of the two diameters. Transit surfaces or idle rollers are often interposed between the conveyors to improve the stability of the products being passed and reduce hopping.

Side by side passages are made by means of the side guides that move the products from one belt to the other sideways. This type of passage is particularly indicated for tall and unstable products and for small products that would not be able to overcome the “hole” between one belt and the other in case of head passages. On the other hand, since the displacement is performed by means of the side guides, they are more risky in the event that the products have surfaces that can slip between the side guides and the chain and in this way create obstacles or worse damage the packaging.

The 90° transfers are made alternatively at high speed, in fact launching the product from one belt to another that has motion perpendicular to the previous one and changing in this way the direction of travel, or at low speed, making the motion of the exit conveyor rotate the product during the transfer.

Power transfers are a particular kind of head to head passages. Essential in all those occasions when a small product, but not suitable for performing a side by side transfer, requires to pass smoothly from one conveyor to another. The motorized passages are usually small conveyor belts, with extremely small winding diameters at the ends that interface with the larger diameters of the upstream and downstream belts, thus allowing to minimize the gap between conveyors and allow the passage even to extremely small products.