“Grano, Farina e…” 2019 un grande successo testimoniato da un vero...

“Grano, Farina e…” 2019 un grande successo testimoniato da un vero e proprio primato di presenze

Istituzioni ed esperti del mondo molitorio e accademico hanno preso parte alla giornata tecnica organizzata da Ocrim. Sono stati coinvolti relatori competenti che hanno tenuto alta l’attenzione della platea. Alla sera, presso la sede di Ocrim è stato organizzato un aperitivo e una cena nello storico reparto montaggio dell’azienda

Una giornata congressuale proficua e costruttiva, presso la sede storica di Ocrim, è cominciata di buon’ora, per presentare, vagliare e approfondire tematiche legate al mais, al grano e alle leguminose. Argomenti ritenuti inusuali, ma assolutamente attuali, grazie alla presenza nel mercato sempre più significativa, ad esempio, di farine alternative. Marino Scarlino, ex docente dell’Istituto Arte Bianca di Torino, ha presentato i relatori e le tematiche della giornata e ha, successivamente, moderato il dibattito finale.

A dare per primo il benvenuto è stato il presidente di Ocrim, Sergio Antolini, pronunciando parole amichevoli alla folta platea. Un messaggio che ha avuto lo scopo di raccontare i risultati ottenuti di questi ultimi anni e anche gli obiettivi futuri prefissati. Un veloce excursus di Ocrim che è stata interessata da grandi cambiamenti che l’hanno fortificata e resa l’azienda solida ed eclettica che è.

Il responsabile nazionale dell’area economica della Coldiretti, Gianluca Lelli, dopo Sergio Antolini, ha dato il proprio contributo alla giornata attraverso un discorso che ha sottolineato l’importanza di Ocrim nel mercato sia nazionale che internazionale. Prima di lasciare il palco, Lelli ha infatti affermato che un ente istituzionale, come la Coldiretti, ha tratto e trae grandi benefici da una realtà come Ocrim, in quanto interagisce in modo propositivo con altre realtà, nazionali e internazionali, legate al mondo della Coldiretti”.

Federico Vecchioni, CEO di Bonifiche Ferraresi, si è rivolto alla platea offrendo una vera e propria panoramica finanziaria e politica dell’economia italiana ed europea, sottolineando l’importanza della partnership tra Ocrim e Bonifiche Ferraresi, definendola “un cammino ancora caratterizzato da crescita e investimenti”.

È stata poi la volta di Gianluca Galimberti, sindaco di Cremona, che, prima dell’inizio della giornata tecnica, ha salutato la platea e la famiglia Ocrim, preziosa per lui e per la città per il forte contributo economico, sociale e anche culturale che l’azienda apporta.

Marino Scarlino, dopo i saluti della proprietà e delle istituzioni, ha presentato i contenuti della conferenza e ha invitato i relatori sul palco della prima parte della giornata congressuale, che ha visto come macro argomento il “Mais: coltivazione, proprietà e uso”. Sono intervenuti, come relatori Massimo Blandino, ricercatore presso l’Università di Torino, Marco Galli, responsabile del dipartimento tecnologie di Ocrim, Massimo Arduini e Rodrigo Ariceaga, rispettivamente amministratore delegato e responsabile vendite USA dell’azienda bolognese Molitecnica S.r.l., azienda con la quale Ocrim ha stretto un importante accordo che le vede insieme nella realizzazione di impianti per la produzione di farina nixtamalizzata.

La seconda parte della giornata è stata interessata dal tema “Cereali e leguminose: la loro genetica, varietà, produzioni mondiali e grani antichi”. Sono intervenuti Matteo Piombino, marketing manager di Pioneer Hi-Bred Italia e Stefano Ravaglia, responsabile del dipartimento Ricerca e Sperimentazione di SIS (Società Italiana Sementi).

Dopo un pranzo svolto nel cortile di Ocrim, che ha visto come protagonisti del menù i prodotti discussi nel corso della conferenza, c’è stata la terza e ultima parte della giornata tecnica su “Grano e leguminose: tipologie di farine, dai dinamici andamenti del mercato mondiale alle priorità nutrizionali”.  Fabio Talamo, direttore vendite di Vomm Impianti e Processi S.p.A., Fabrizio Baccinelli, direttore vendite di Ocrim e Simona Digiuni, biotecnologa presso il laboratorio di Ocrim, hanno dato il loro contributo attraverso presentazioni tecniche interessanti e costruttive.

Al termine della giornata, Marino Scarlino ha chiamato tutti i relatori sul palco per dar vita a un dibattito tra la platea e gli esperti.

La cena

Nel reparto montaggio storico della sede di Ocrim è stata organizzata una cena singolare e ineguagliabile. Un reparto che normalmente e quotidianamente viene impegnato da “working heads”, è stato convertito, per questa occasione, in un set in cui allestire una vera e propria cena di gala.

Gli oltre 200 ospiti sono stati accolti da una tavola lunga oltre 70 metri, tavola che, attraverso l’allestimento, ha raccontato agli ospiti le materie prime protagoniste della giornata tecnica. Anche le pietanze servite hanno avuto lo stesso scopo, poiché il menù è stato concepito in base ai prodotti presi in esame nel corso delle conferenze.

Un collegamento in diretta da Mendota (USA), uno dei quartier generali di ADM, con uno dei mugnai di Ocrim ha vivacizzato l’atmosfera della cena. Nella città americana Ocrim ha installato 3 sezioni di macinazione con una capacità totale di 1800 T/24h (600 T/24h cadauna). Il mugnaio in diretta ha raccontato e mostrato ciò che stava accadendo in uno dei tre molini, l’ultimo da collaudare. Tutti gli ospiti hanno potuto vedere e ascoltare i laminatoi in funzione e ammirare, quindi, la prima farina ottenuta.

Quasi al termine della cena, è stato presentato il video aziendale Ocrim 2019, attraverso la proiezione del backstage. L’anteprima ha mostrato il coinvolgimento del team Ocrim nella realizzazione del video aziendale.

“Grano, Farina e…” 2019 – domenica 15 settembre

I numerosi ospiti si sono nuovamente trovati di buon’ora presso la sede storica di Ocrim per assistere a una conferenza dai contenuti diversi rispetto a quelli del giorno precedente.

Il Top Management di Ocrim e alcuni clienti hanno raccontato e riportato testimonianze preziose per fare “Il giro di Ocrim in 90 minuti”. Questi contributi sono stati la giusta conclusione di un week end all’insegna della manifestazione intellettuale, culturale e aziendale.

Marino Scarlino, moderatore anche di questa giornata, ha fatto salire sul palco, come primo ospite, Giovanni Battista Girolomoni, presidente della Gino Girolomoni Cooperativa Agricola. La nota e apprezzata azienda marchigiana ha uno spirito e una mentalità nel concepire il proprio lavoro molto vicino a quello di Ocrim. È la prima e più importante azienda biologica italiana e i propri prodotti hanno in sé i valori del passato e della tradizione e l’alta qualità ottenuta grazie ad un alto profilo tecnologico. La cooperativa Girolomoni nel 2018 ha deciso di costruire un impianto molitorio per la lavorazione del proprio grano duro e farro biologici, scegliendo Ocrim per la sua costruzione e installazione.

È stata poi la volta di un cliente importante venuto dall’altra parte del mondo per portare la propria testimonianza: Luis José Ruenes Reynoard, direttore generale del Molinos de Costa Rica S.A., azienda che si è affidata a Ocrim per la prima volta quattro anni fa per la costruzione e installazione di un impianto molitorio a grano duro. Attualmente, Ocrim sta completando, per Molinos de Costa Rica, uno dei sistemi di fine linea più moderni e automatizzati del Centro America. Inoltre, qualche mese fa, è stato stipulato un altro accordo per un molino a grano tenero della capacità di 320 T/24h, avvalorando la fiducia nata anni fa e che fa intravedere altre collaborazioni e progetti futuri.

Francesco Pugliese, il responsabile Ricerca e Sviluppo di Bonifiche Ferraresi, è intervenuto dopo Reynoard, raccontando e mostrando i benefici del nuovo progetto concepito da Ocrim e Bonifiche Ferraresi: Il Milling Hub, ubicato presso il porto canale di Cremona. Le due aziende si sono unite per realizzare un centro di macinazione unico nel suo genere. Infatti è il primo centro che unisce il know-how di un’azienda con una risonanza internazionale nella produzione di impianti molitori e quello di un primario gruppo Agro-industriale italiano focalizzato sulla gestione dell’intero ciclo produttivo (dal genoma allo scaffale) ad alto valore aggiunto a filiera 100% italiana.

Stefano Mazzini, direttore commerciale di Ocrim, legandosi al discorso appena concluso da Francesco Pugliese, ha annunciato l’arrivo del polo formativo “Milling Hub Masterclass”, un nuovo progetto che vede il Milling Hub anche come vero e proprio impianto/scuola, per una formazione all’avanguardia e all’altezza delle numerose richieste.

Maurizio Galbignani, direttore generale di Ocrim, ha poi offerto al pubblico una panoramica sui progetti realizzati e sulle intenzioni future. Galbignani ha anche presentato O-Cloud, un sistema centralizzato virtuale che agisce attraverso la condivisione di informazioni dei clienti. Permetterà ad ogni singolo cliente di ottimizzare il processo produttivo, pianificare la manutenzione in anticipo, aumentare il livello di automazione dell’impianto e garantire una gestione rapida delle necessità tecniche. Un prodotto unico e completo, O-Cloud, che personifica l’intenzione dell’azienda a investire nella Ricerca per ottenere prodotti destinati a essere parte operativa del core business di ogni cliente.

Alberto Antolini, CEO di Ocrim, al termine de “Il giro di Ocrim in 90 minuti”, ha salutato la platea ringraziando per la partecipazione e dedicandole un discorso che permette di intravedere un’azienda proiettata sempre di più verso esigenze esterne. Ha comunicato alla platea che Ocrim è, e sarà sempre, un’azienda seguita da un Capitale Umano, la famiglia Antolini, che ha come obiettivo la crescita e il bene comune dell’azienda. Alberto Antolini, prima di lasciare il palco, ha infine presentato il video aziendale 2019, che vede la città di Cremona protagonista insieme a Ocrim e che vuole essere anche un sintesi della storia della famiglia Antolini all’interno dell’azienda. La visione del video ha emozionato i tanti ospiti presenti, ma soprattutto il team aziendale, che, sin dall’inizio dei lavori per realizzare il video, è stato coinvolto, come dimostrato dal backstage del video stesso.

Infine, tutti gli ospiti sono stati accompagnati presso la sede del porto canale affinché fossero mostrati loro i risultati concreti e tutto ciò che è stato realizzato attraverso investimenti finalizzati.

“Grano, Farina e…” 2019 a great success witnessed by a real record of participants

Institutions and experts from the milling and academic world took part in the technical day organized by Ocrim. Relevant speakers were involved who kept the attention of the audience high. In the evening, an aperitif and dinner were organized at the company’s headquarters in Ocrim in the company’s historic assembly department

Grano, Farina e…” 2019 – Saturday, September 14th

More than two hundred guests arrived at an early hour at the historic OCRIM headquarters located in Via Massarotti to live an intense and constructive congress day. The conference dealt with issues related to maize, wheat and legumes. Themes not entirely usual, as is the case for legumes, or dealt with in an unusual way, yet absolutely topical, given the increasingly high presence in the market of, for example, alternative flours. The congress day was presented and chaired by Marino Scarlino, former professor at the Arte Bianca Institute in Turin.

The president of OCRIM, Sergio Antolini, was the first to go on stage to welcome the large audience that crowded the venue, launching a friendly message, but at the same time with the intention of announcing the results achieved over the last few years and the goals set for the future. A digression on OCRIM, a company that undergone great changes, which proved useful to such extent that it was further strengthened and turned into the firm and versatile company it is today.

It was then the turn of Gianluca Lelli, national manager of the economic area of Coldiretti (Farmers’ Confederation), who emphasised the importance of a player like OCRIM in the national and international market, as it is constantly and proactively committed to interact with many other players, linked to the world of Coldiretti.

Federico Vecchioni, managing director of Bonifiche Ferraresi, offered a real financial and political overview of the Italian and European economy, addressing an international audience. He stressed the importance of the alliance between OCRIM and Bonifiche Ferraresi, which he referred to as “a path still characterised by growth and investments”.

Following Federico Vecchioni’s speech, mayor of Cremona, Gianluca Galimberti, uttered important words before the start of the technical day. He greeted the audience and the OCRIM family, valuable both for him and for the city as a whole due to the strong economic, social and also cultural contribution that the company makes.

After the greetings of the property and the institutions, Marino Scarlino presented the day and its contents and invited the first three speakers to take the stage for the first part of the congress day, whose macro subject was “Maize: cultivation, property and use”. Next on stage as speakers were Massimo Blandino, researcher at the University of Turin, Marco Galli, head of the OCRIM technology department, Massimo Arduini and Rodrigo Ariceaga, managing director and US sales manager of the Bologna-based company Molitecnica S.r.l., respectively. The Latter is a company with which OCRIM has signed an important agreement whereby they undertook to put in place together the construction of systems for the production of nixtamalised flour.

The second part of the technical day was characterised by the theme “Cereals and legumes: their genetics, varieties, world productions and ancient grains”. Matteo Piombino, marketing manager of Pioneer Hi-Bred Italia, and Stefano Ravaglia, manager of the Research and Experimentation department of SIS (Società Italiana Sementi) took the floor in turn.

A lunch held in the company courtyard, where the products discussed during the conference stood out as the real protagonists of the menu, was followed by the third and final part of the technical day on “Wheat and Legumes: types of flour, from the dynamic trends of the world market to nutritional priorities”. Fabio Talamo, sales director of VOMM Impianti and Processi S.p.A., Fabrizio Baccinelli, OCRIM sales director, and Simona Digiuni, biotechnologist at the OCRIM laboratory, gave their contribution through interesting and constructive technical presentations.

At the end of the technical day, all the speakers were eventually invited by Marino Scarlino to take the stage and answer the numerous questions of the audience, giving thus rise to a constructive debate.

The dinner

A special and incomparable dinner was offered in the historical assembly department of the OCRIM headquarters, a department that is normally occupied by “working heads”, but which was temporarily transformed for this occasion into an enchanting location in which to set up a real gala dinner.

A table over seventy metres long welcomed and provided accommodation to the over 200 participant guests. The table spoke to the guests of the raw material that starred in the limelight the technical day. The dishes offered had the same task: it was a menu completely designed on the basis of the products told since the morning.

During the dinner, there was a live connection with the United States, namely from Mendota, where OCRIM installed 3 grinding plants with a total capacity of 1800 t/24 hrs (600 t/24 hrs each). One of the OCRIM millers, live from Mendota, told and showed what was happening right then in one of the three mills, the last to be tested. It was thus possible to hear and admire the rolling mills in operation and see, therefore, the first flour batch so obtained.

Just before the dinner came to an end, the corporate video OCRIM 2019 was presented through a backstage screening. The preview showed the OCRIM team’s involvement in the making of the corporate video.

“Grano, Farina e…” 2019 – Sunday, September 15th

Again, at an early hour, the numerous guests went again to the historic Ocrim headquarters to attend a conference whose content was completely different from the one that had been held the day before.

OCRIM actually told itself through some insights presented by the company Top Management as well as through the testimony of some customers. “The tour of OCRIM in 90 minutes” (which is indeed the title of the conference) turned out to be the right conclusion to a weekend dedicated to this intellectual, cultural and corporate event.

Marino Scarlino chaired this intense day as well and introduced, as first guest, Giovanni Battista Girolomoni, president of the Gino Girolomoni Farmers’ Cooperative. The famous and highly esteemed company based in the Marche region is inspired by a spirit and a mentality in conceiving its work, which is very close to OCRIM’s. It is the first and most important Italian organic commercial farm and its products bring with them the values of the past and of the tradition and high quality achieved thanks to a high technological profile. In 2018, the Girolomoni cooperative decided to build a milling plant for processing its own organic durum wheat and spelt, choosing OCRIM for its construction and installation.

Next on stage was then Luis José Ruenes Reynoard, general manager of Molinos de Costa Rica S.A., a company that chose OCRIM for the first time four years ago, for the construction and installation of a durum wheat milling plant. OCRIM is currently finalising, on behalf of Molinos de Costa Rica, one of the most modern and automated end-of-line systems in Central America. Moreover, a few months ago, another agreement was signed for the construction of a soft wheat mill with a capacity of 320 t/24 hrs, which, while reconfirming the trust established years ago, promises to ensure more collaborations and future projects.

After Luis José Ruenes Reynoard, the Research and Development manager of Bonifiche Ferraresi, Francesco Pugliese, highlighted and expounded the benefits of the new project conceived by OCRIM and Bonifiche Ferraresi: The Milling Hub, to be located at the Cremona canal port. The two companies joined with the aim of creating a grinding centre unique of its kind. This is indeed the first centre that combines the know-how of a company with an international scope in the production of milling plants and that of a leading Italian agro-industrial group focused on the management of the entire production cycle (from genome to shelf) with a high added value and relying on 100% Italian supply chain.

Resuming the speech just given by Francesco Pugliese, Stefano Mazzini, OCRIM sales director, expounded another new project: the training centre “Milling Hub Masterclass”, which also involves the Milling Hub as a real plant/school to provide even more comprehensive training than before.

After Mazzini, it was the turn of Maurizio Galbignani, general director of OCRIM, who offered an overview of the projects carried already out and those for future implementation. Galbignani also presented O-Cloud, a centralised virtual system that acts through the sharing of customer information. It will allow each individual customer to optimise the production process, plan maintenance in advance, increase the plant’s automation level and ensure rapid management of technical needs. O-Cloud is a unique and complete product that embodies the company’s intention to invest in Research with a view to obtaining products intended to be an operational part of each client’s core business.

At the end of “Il giro di OCRIM in 90 minuti” (The Tour of OCRIM in 90 minutes), Alberto Antolini, managing director of OCRIM, greeted the audience, thanking them for their presence and addressing them a speech that suggests the idea of a company that is increasingly focused on external needs. He informed the audience that OCRIM is – and always will be – a company followed by a Human Capital – namely the Antolini family – which has, and will have, as its ultimate objective the growth and good of the company.

Before leaving the stage, Alberto Antolini finally presented the 2019 corporate video, which has as its protagonist the city of Cremona together with OCRIM, but is also meant as an excursus into the history of the Antolini family within the company. The screening of the video aroused a strong emotion among the many guests attending the event, but above all among the company team, who, were involved since the beginning of the video making work, as evidenced by the backstage footage included in the video.

After the screening of the video, all guests went to the premises located at the canal port to see with their own eyes the tangible results and what was achieved through targeted investments.