Videojet: come migliorare produttività ed efficienza

Videojet: come migliorare produttività ed efficienza

La chiave per la buona riuscita delle iniziative sta nello standardizzare un sistema di misurazione dei dati e nel definire un modo per valutare i miglioramenti apportati, monitorandone il progresso nel tempo

Per raggiungere il successo e rimanere competitive nel mercato globale di oggi, le aziende devono trovare nuovi modi per aumentare la produttività. La maggior parte di esse, proprio con questo obiettivo in mente, implementa un approccio di produzione “lean” e i relativi programmi TPM (Total Productive Maintenance, manutenzione produttiva totale).  La chiave per la buona riuscita di queste iniziative sta nello standardizzare un sistema di misurazione dei dati e nel definire un modo per valutare i miglioramenti apportati, monitorandone il progresso nel tempo. La metrica usata più spesso per la misurazione della produzione “lean” è l’efficienza globale della linea (OEE, Overall Equipment Effectiveness).  I tre componenti singoli della OEE, ovvero disponibilità, prestazioni e qualità, sono legati a stretto filo con le cosiddette sei “grandi perdite” della TPM: fermi previsti e imprevisti, cicli lenti e microinterruzioni, perdite di produzione e avvio). In questo modo è possibile disporre di una struttura solida per identificare le cause radice delle varie inefficienze e aiutare gli utenti a dare priorità e convalidare gli sforzi di miglioramento della produttività. Queste strutture di misurazione sono fondamentali per migliorare le operazioni, ma la loro efficacia dipende in gran modo dai dati che le supportano. Ecco perché molte iniziative “lean” fanno fatica fin da subito ad affermarsi. Disporre di dati precisi, costanti e utili è complesso: è necessario raccoglierli, uniformarli e gestirli. Con la crescita dell’IIoT (Industrial Internet of Things, Internet industriale delle cose), tuttavia, lo scenario sta cambiando. Le nuove tecnologie emergenti danno vita a tutta una serie di possibilità per l’automatizzazione e la standardizzazione della raccolta dei dati, oltre che a un modo per organizzarli in maniera più efficace, favorendo misurazioni e miglioramento della OEE.

Come iniziare: la sfida dei dati

Al primo approccio con l’OEE, i produttori devono scegliere tra un metodo di raccolta dati manuale o automatico.  Per prendere una decisione oculata, è importante tenere presente i dati da raccogliere, chi intende utilizzarli e come. Queste varie considerazioni devono quindi essere bilanciate in base ai dati subito disponibili rispetto a quelli più difficili da ottenere. Quando si misura l’OEE, la prima questione sul tipo di dati è semplice da gestire: saranno necessari i dati legati ai fermi dei sistemi, alla produttività e ai problemi di qualità. Inoltre, sarà necessario anche determinare a quale livello raccogliere e visualizzare tali dati.  Ciò è importante in quanto se si analizzano i dati da un livello troppo generico, potrebbe non essere possibile utilizzarli. Ma, andando troppo nello specifico, potrebbe essere troppo complesso ordinarli e assegnare priorità. La raccolta manuale dei dati può essere un buon modo per iniziare, ma questo approccio risulta spesso impreciso, difficile da standardizzare e poco adatto allo scopo se si intende usare i dati per prendere decisioni in tempo reale. È per questi motivi che questo approccio manuale può rappresentare un ostacolo non da poco a un’operatività rapida e a un successo a lungo termine.

La raccolta automatica dei dati e una soluzione giusta per la loro gestione

Come si sente spesso dire, si può migliorare solo ciò che è misurabile. Tuttavia, senza l’automazione la raccolta dei dati per apportare miglioramenti operativi non è semplice. Oggi, però, grazie alle innovazioni nell’IIoT, è possibile automatizzare questa raccolta sfruttando i sistemi già presenti sulla linea. Con lo sviluppo e l’integrazione di sensori e tecnologie software di OEE/produttività, si può uniformare la raccolta dei dati e migliorare così di gran lunga la loro precisione e coerenza. Nel tempo, i dati raccolti diventeranno un archivio di informazioni affidabili e utili, utilizzabili nell’intera organizzazione per apportare numerosi miglioramenti. Tuttavia, ci può essere una distanza non da poco tra i sistemi intelligenti in grado di raccogliere dati e l’esistenza degli strumenti giusti per la loro gestione. Con l’espansione dell’industria 4.0 e dei sistemi smart, aumentare l’efficienza nella propria linea di produzione sembra un compito piuttosto semplice. In realtà, passare ai sistemi intelligenti e all’automazione dei dati richiede tempo e investimenti, a meno di non poter sfruttare già i sistemi smart presenti sulla linea. Ad esempio, i sistemi di codifica e marcatura di Videojet sono dotati di intelligence integrata per la raccolta dei dati e,quando già presenti in una linea id packaging, permettono di dare uno sguardo d’insieme alla produzione. Tuttavia, come molti sistemi smart, per quanto siano in grado di raccogliere dati, sarà l’ideazione di un nuovo modo di gestirli a fare la differenza per i produttori. Fino a oggi, non c’era correlazione tra le piccole e medie imprese che volevano automatizzare la raccolta dei dati e sfruttarli al meglio, e l’esistenza di una soluzione conveniente, scalabile e facile da implementare per farlo.   

Fattori da considerare per una soluzione di OEE/produttività

Capire tutti gli elementi di una soluzione software per OEE/produttività può essere complesso. Quando ne si prende in considerazione una, è fondamentale comprendere le proprie necessità, presenti e a lungo termine. Scalabilità e complessità, ad esempio, sono fattori molto importanti. Alcune proposte possono essere difficili da implementare e offrire più funzionalità di quelle effettivamente necessarie, ad esempio per controllare i distributori. Altre potrebbero essere pensate per utenti specifici, dando vita a un problema di silos di dati. Altre ancora potrebbero invece essere troppo semplici, fornendo dati generici che non permettono di comprendere con rapidità ed efficacia la causa radice di un problema. Esistono soluzioni in un’ampia gamma di prezzi, pertanto è consigliabile sceglierne una in grado di assicurare una rapida operatività, con un occhio di riguardo al budget. Trovare l’equilibrio perfetto tra tutti questi elementi può essere problematico, è quindi fondamentale fare affidamento su un partner competente che conosca i processi di produzione e le specifiche esigenze del cliente. Sono disponibili soluzioni software di OEE/produttività che aiutano a uniformare i processi di raccolta dati necessari per i miglioramenti operativi ma, a causa della scalabilità di dimensioni e complessità, spesso non sono adatte alle organizzazioni che non dispongono delle ingenti risorse necessarie per gestirle. Tuttavia, esiste una nuova opzione che offre costi ridotti e facilità di installazione, dando veramente seguito alla proposta di valore di un software di OEE/produttività.

Un approccio innovativo e più conveniente alla gestione della produttività

Videojet comprende le problematiche di chi vuole migliorare la produttività senza investire fortemente su apparecchiature e software e passare per un progetto di integrazione di diversi mesi, per questo motivo ha spinto sull’innovazione con una soluzione di produttività IIoT in grado di dare ai produttori tutta la visibilità necessaria sulle linee di produzione. Questa visibilità permette agli utenti di massimizzare la produzione, ridurre i costi operativi e migliorare i vari processi.  La suite di produttività VideojetConnect™, insieme a determinati sistemi Videojet, non solo fornisce un dashboard generale sull’intera operatività, ma può anche visualizzare dati di produttività in tempo reale, con riferimenti spaziali e temporali precisi. Queste informazioni utili, subito disponibili, fanno sì che gli utenti possano effettuare regolazioni rapide sulla linea per raggiungere gli obiettivi di produzione dei turni e della giornata. Si tratta di un fattore rivoluzionario che permette di ricevere avvisi in caso di valori produttivi inferiori a quelli previsti. E, raccogliendo e analizzando i dati nel tempo, è anche possibile ottenere facilmente le misurazioni di OEE, aggregarle e trasformarle in azioni correttive per migliorare la produttività. La suite di produttività VideojetConnect è facile da implementare, poiché è già integrata in determinati sistemi Videojet. Contrariamente ad altre soluzioni di produttività, spesso troppo complesse per molte applicazioni, presenta costi convenienti, non richiede investimenti di capitale ingenti né impegni a lungo termine per iniziare. Le innovazioni tecnologiche stanno creando opportunità concrete e significative per migliorare l’OEE e la produttività. L’IIoT rende possibile automatizzare la raccolta dei dati e rappresenta una proposta vincente quando si può sfruttare l’intelligence dei propri sistemi per farlo. Trovare la giusta soluzione di produttività per gestire i dati raccolti è importante tanto quanto affidarsi a un partner in grado di comprendere produzione e processi. L’equilibrio perfetto di entrambi questi fattori aiuterà a ottenere miglioramenti e redditività, oggi e nel futuro. 

Improving productivity and efficiency: pitfalls and IIoT-enabled Innovation

Key to the success of the initiatives is standardizing data measurement as well as establishing a means of evaluating improvements made and tracking their progress over time

To succeed and stay competitive in today’s global marketplace, manufacturing companies must find ways to continuously improve their productivity. Towards this goal, most manufacturers implement Lean Manufacturing practices and associated Total Productive Maintenance (TPM) programs. Key to the success of these initiatives is standardizing data measurement as well as establishing a means of evaluating improvements made and tracking their progress over time. The most commonly used metric for measuring Lean Manufacturing is Overall Equipment Effectiveness (OEE).  The three individual components of OEE – Availability, Performance and Quality – have a direct correlation to the TPM Six Big Losses (unplanned and planned downtime, slow cycles and micro-stops, production, and start-up losses) making it a useful framework to identify root causes of inefficiency and to help users prioritize and validate productivity improvement efforts. While these frameworks for measurement are vital to driving operational improvement, they are only as good as the data supporting them. And this is why many Lean Initiatives stumble right out of the starting gate. Because accurate, consistent and insightful data is often difficult and expensive to gather, streamline and manage. With the growth of the Industrial Internet of Things (IIoT), however, this is changing. Emerging technology brings with it new possibilities for the automation and standardization of data collection, and a means for data to be organized in a more meaningful manner that empowers OEE measurement and improvement.

Getting started: The data challenge

When first getting started with OEE, manufacturers need to choose between a manual data collection method or an automated data collection method.  To best make this decision, it is important to consider what data is required, who intends to use it, and how it will be used. These determinations should then be balanced against what data is readily available versus what data is challenging to obtain. When measuring OEE, the first part of “what data” is spelled out for you – you’ll need data-related equipment downtime, production throughput, and quality rejects. Moreover, you will also need to determine at what level you want to collect and view that data.  This is important because if you look at data from too high a level, then the data may not be actionable; if you look at data that is too specific, then the results may be too hard to sort through and prioritize.  Manual data capture can be a good way to get started, but this approach is often inaccurate, difficult to standardize, and poorly suited to the purpose if you intend to use the data for any real-time decision making. It is for these reasons that a manual approach to data collection can be a significant barrier to quickly building momentum and long-term success.

Automated data collection and a right-sized solution for data management

As the adage goes, you can only improve what you can measure, but without automation, data collection for operational improvement is no easy task. However, now with advances in the IIoT, it is possible for data collection to be automated using equipment already on the line. With the development and integration of equipment sensors and OEE/productivity software technology, data collection can be streamlined, far improving data accuracy and consistency. And in time, collected data can generate a storehouse of trusted and meaningful information that can be used across the organization for improvement initiatives. However, there can be a disconnect between intelligent machines that can collect data and the existence of right-sized tools for data management. With the expansion of Industry 4.0 and Smart Machines, it would seem easier than ever to drive efficiency in your production. However, the change to intelligent machinery and data automation takes time and capital investment, that is unless you can tap into smart equipment already on your line. Videojet coding and marking equipment, for example, offers built-in intelligence for data collection, and when already integrated into a packaging line, this equipment has a front-row seat to what’s going on in your production. Like many Smart Machines, however, while the equipment can collect the data, it’s the introduction of a new means of managing that data that is going to make a difference for manufacturers. Up until now, there has been a disconnect between the desire of small to medium-sized manufacturers who want to automate data collection and to do something meaningful with it, and the existence of an affordable, scalable and easy-to- implement solution for doing it.   

Things to consider with an OEE/productivity solution

Navigating the value proposition of an OEE/productivity software solution can be challenging. When evaluating a solution, a thoughtful understanding of your needs, both now and over the long term, is necessary. Scalability and complexity are big things to consider. Some offerings may be complex to implement and are more robust in functionality than needed (i.e. you may not need a solution that will control the chillers in your production operation). Other offerings may be highly-specialized and geared toward a specific user, perpetuating a data-silo issue. And still others might be overly simplistic, giving you high-level data that leaves you multiple steps away from a root cause of a problem. With software solutions available at a wide range of prices, you’ll also want to find something you can get up and operating quickly at a cost that fits your budget. Finding a perfect balance of all of these elements can be tricky, so finding a trusted partner with knowledge of your production, as well as your needs and processes, is also important. While there are OEE/productivity software solutions that can help streamline the data collection process necessary for driving specific operational improvements, due to scalability in size and complexity, they are oftentimes out of reach for operations without the resources to manage them. There is, however, a newer option that provides a lower cost and ease of setup that make the value proposition of an OEE/productivity software more attractive than ever.

An innovative and more affordable approach to managing productivity

Understanding the pain point of producers wanting to improve their productivity without incurring significant capital investment of equipment and software and enduring a multi-month integration project, Videojet has innovated with an IIoT-enabled productivity solution that gives manufacturers visibility across their packaging lines. This visibility empowers users to maximize production throughput, reduce operating costs, and drive process improvements.  The VideojetConnect™ Productivity Suite, when partnered with select Videojet equipment, not only provides users with a dashboard overview of how their entire operation is running overall, but it can also show productivity in real time where and when work is being done. This instant insight empowers users to make quick adjustments on the line in order to hit shift/daily production targets. A game changer for many, this visibility can provide a much-appreciated warning when production is falling short of its goal. And with data gathered and analyzed over time, measurement for OEE can easily be gathered, synthesized and turned into corrective actions for productivity improvements over time as well. The VideojetConnect Productivity Suite is easy to implement, because it is already built-in to select Videojet equipment. And unlike other productivity solutions that can prove too robust for many applications, the cost is affordable, does not require large capital investment or a long-term commitment to get started. Advances in technology are creating meaningful and tangible opportunities to improve OEE and productivity. The IIoT makes is possible for automation of data collection and it is a winning proposition when you can easily tap into the intelligence of your equipment to do it. Finding a right-sized productivity solution for managing the data collected is as important and identifying partner who understands your production and processes. Finding a perfect balance of both will ultimately help you drive improvements and profitability both now and into the future.