Pulizia dei serbatoi: una questione di pulizia efficiente

Pulizia dei serbatoi: una questione di pulizia efficiente

Lechler aiuta i propri clienti a scegliere l’ugello giusto per le loro esigenze grazie ad un’ampia gamma di soluzioni ottimali che aumentano l’affidabilità del processo

Iprocessi di pulizia automatizzati richiedono sistemi di ugelli ad hoc per ogni specifica applicazione. Lechler aiuta i propri clienti a scegliere l’ugello giusto per le loro esigenze definendo la sua classe di efficienza di pulizia (cleaning efficiency), con un’ampia gamma di prodotti, dalla spruzzatura statica alla testina rotante XactClean HP con speciali ugelli a ventaglio. Gli utenti possono così disporre di un’ampia gamma di soluzioni ottimali che riducono i costi e i tempi di inattività e aumentano l’affidabilità del processo.

Nel corso di 140 anni, Lechler ha studiato in modo approfondito i processi di spruzzatura e atomizzazione nell’industria alimentare in diverse condizioni di pressione e temperatura. Il risultato è la presenza di un’ampia gamma di ugelli standard per applicazioni diverse, ma anche di soluzioni individuali per compiti specifici.

Lechler ha definito cinque classi di efficienza di pulizia basata su anni di esperienza e conoscenza di un’ampia gamma di processi diversi. Questa classificazione è utile, perché può dare all’utilizzatore una rapida idea di come risolvere in modo ottimale ed efficiente le loro operazioni di pulizia.

Un processo di pulizia garantito e affidabile

Nelle fasi iniziali di pianificazione, Lechler si concentra principalmente su quali sono le esigenze di pulizia richieste basate sulle classi di efficienza di pulizia e sviluppando una soluzione che assicuri un processo di pulizia ottimale ed efficiente. Il risultato finale è un concetto di pulizia concordato che soddisfa tutti i requisiti standard dell’industria in termini di sicurezza e affidabilità. I tecnici e gli ingegneri Lechler si pongono quindi come partner affidabili, sia durante lo sviluppo sia nella realizzazione dei vari sistemi di pulizia, fornendo una soluzione che assicuri una pulizia costante e riproducibile per tutta la vita operativa dell’impianto.

Nella Classe di efficienza 1, le sfere di lavaggio statiche, progettate per il risciacquo di serbatoi, possono ottenere buoni risultati di pulizia, ma in questo caso il lavaggio avviene più per caduta dell’acqua sulle pareti piuttosto che per impatto.

Gli ugelli rotanti sono una soluzione migliore se si utilizzano detergenti costosi o se è necessaria una più intensa pulizia. La serie “Spinner” a rotazione libera, infatti, sono adatte per un’efficienza di pulizia di Classe 2, in grado di rimuovere residui più difficili. Queste sono realizzati interamente in AISI316L, e su richiesta, con materiali di alto livello come l’Hastelloy, resistente ad un gran numero di sostanze aggressive.

Gli ugelli rotanti della serie “Whirly” sono la scelta giusta per la pulizia della Classe di efficienza 3, grazie alla loro speciale geometria a ugello piatto. Questi ugelli ruotano liberamente e sono adatti per serbatoi sia di piccole che di grandi dimensioni. Realizzati in materiali di alta qualità, sono disponibili anche in versione ATEX. In questa categoria rientrano anche le “Hygienic Whirly” con il rotore in PEEK e conformi alla normativa EHEDG.

Gli ugelli di pulizia a rotazione controllata comprende le serie ad alte prestazioni XactClean, assegnate alla Classe di efficienza di pulizia 4, rimuovono soluzioni più persistenti e possono essere combinati con sensori di monitoraggio della rotazione che garantiscono un processo di pulizia affidabile. L’XactClean HP, offre risultati ottimali ed efficienti. La rotazione controllata della testa di spruzzo e gli ugelli a getto piatto appositamente sviluppati garantiscono una pulizia uniforme e un impatto elevato rispetto alle testine a rotazione libera.

L’XactClean HP è costituita da materiali di alta qualità che possono andare in contatto con gli alimenti, come l’acciaio inossidabile e PEEK. I vantaggi per i clienti includono l’alta forza d’impatto e la copertura uniforme all’interno del serbatoio con una sola rivoluzione della testa di spruzzo, che riduce notevolmente i cicli di lavaggio. Con questo componente, Lechler ha unito le caratteristiche di un ugello a rotazione libera con quello di una a rotazione controllata, riducendo notevolmente i costi di processo.

Se infine il residuo è particolarmente ostinato, si possono utilizzare testine per la pulizia del serbatoio ad alto impatto della serie Lechler IntenseClean, classe di efficienza di pulizia 5. Questi ugelli sono adatti anche per grandi serbatoi grazie alla rotazione controllata dei due assi e dei getti rettilinei.

A differenza di altre testine rotanti, i getti rettilinei concentrati di queste testine ad alto impatto colpiscono l’intera superficie del serbatoio da pulire con una forza di impatto molto elevata.

Find the right nozzle to clean tanks and equipment

Lechler helps its customers to select the right nozzle for their needs, thanks to a wide range of optimal solutions that increase process reliability

The task of cleaning tanks and equipment in the chemical industry poses particular challenges for the technology used. Automated cleaning processes require up-to-date nozzle systems that are customized specifically for the task at hand. Lechler helps its customers to select the right nozzle for their needs by defining the cleaning efficiency class. The nozzle guide offers a wide product range, from the static spray ball to the new rotating XactClean HP with specially developed flat fan nozzles. Users benefit from optimal and economical solutions, which cut costs, reduce downtimes and increase process reliability. Over the course of 140 years, Lechler has developed a deep understanding of spray and atomization processes in the chemical industry under greatly varying conditions with different pressures, temperatures and atmospheres. The result is a wide range of standard nozzles for different applications, as well as individual solutions for specific tasks .

Lechler has defined five cleaning efficiency classes based on years of experience and knowledge for a wide range of different processes in the chemical industry. The classification of the different products by cleaning efficiency classes is unique to the market.

A reliable cleaning process

In the early planning and consulting phases along with orientation discussions, the focus is primarily on obtaining an initial impression of the cleaning task based on the cleaning efficiency classes and on developing an understanding of the complexity and importance of both optimum and efficient cleaning processes. The individual parameters are defined in more detail in subsequent detailed planning. The final result is an agreed upon cleaning concept that meets all the standard requirements in the industry in terms of safety and reliability. Lechler technicians and engineers provide support as dependable partners, both during development and while having an understanding of working solutions for the entire operating life of the plant.

For cleaning efficiency class 1, static spray balls are designed for rinsing, a task that is frequently required in the chemical industry. Spray balls can achieve good cleaning results, if the water cascading down the tank wall resolves the desired cleaning task. Rotating nozzles are a better solution if expensive cleaning agents are being used or if more intensive cleaning is necessary.

The Lechler Spinner series, for example, are rotating nozzles and found in cleaning efficiency class 2. These remove light to medium soil and are also suitable for similar rinsing tasks of cleaning efficiency class 1 (using less water consumption). The free-rotating nozzles in this series are made, on request, from different high-grade materials, such as Hastelloy, which is resistant to a large number of aggressive chemicals.

For light to medium-heavy soils, the rotating nozzles of the Whirly series are the right choice in cleaning efficiency class 3 because of their special flat fan nozzle geometry. These nozzles rotate freely and are suitable for both small and large tanks. Like most Lechler tank cleaning nozzles, they can also be used for CIP cleaning (Clean in Place). The Whirly nozzle series is made of high-grade materials and is also available as an ATEX version.

Controlled-rotation cleaning nozzles include the high-performance XactClean and AccuClean series, which are assigned to cleaning efficiency class 4. These remove medium to stubborn dirt and can be combined with rotation monitoring sensors, which guarantee a reliable cleaning process. The XactClean HP, which is a new product development by Lechler, delivers optimum and efficient results. The controlled rotation of the spray head and the specially developed flat fan nozzles guarantee uniform cleaning as well as high impact in comparison with free-spinning nozzles, even at higher operating pressures. The impact is an important characteristic value for cleaning tasks: It describes the force with which the jet strikes a unit area. The nozzle is driven by a gear-controlled drive unit. This states that maximum process reliability is guaranteed, even if the cleaning medium is dirty. The XactClean HP is made of high-grade and food-compliant materials, such as stainless steel and PEEK. The advantages for the user include high nozzle impact and cleaning coverage of the entire tank with just one spray head revolution, 4 Which significantly reduces the process time. With this product, Lechler has closed the gap between free-spinning cleaners and high-impact tank cleaning machines. The new XactClean HP significantly reduces process costs.

If the dirt is particularly stubborn, high-impact tank cleaning machines from the Lechler IntenseClean series in cleaning efficiency class 5 are used. These nozzles are also suitable for large containers because of the separate gear unit and two solid jets, which rotate around two axes. In contrast to other rotating cleaners, the concentrated solid jets of the high-impact tank cleaning machines strike the full area of the surface to be cleaned with a very high impact force.