Parmigiano Reggiano, alimento della vita

Parmigiano Reggiano, alimento della vita

parmigianoIl Consorzio del Parmigiano Reggiano si presenta con un nuovo posizionamento, una nuova identità e una nuova campagna pubblicitaria

La comunicazione del Consorzio del Parmigiano Reggiano cambia forma e sostanza e si propone al consumatore con una nuova brand identity, una nuova campagna stampa e un nuovo spot.

La nuova comunicazione è frutto di una riflessione profonda che ha portato il Consorzio verso un posizionamento che punta a dare valore alla marca e a dialogare con i diversi target di riferimento (chi si occupa della famiglia, chi vive di cucina, chi diventa mamma, chi fa sport, chi è influencer, chi segue i trend, chi è produttore) che troveranno nel Parmigiano Reggiano un “alimento della vita”.

“Abbiamo lavorato per rafforzare la comunicazione con l’obiettivo di far percepire i plus e gli elementi distintivi che rendono il Parmigiano Reggiano DOP un formaggio unico al mondo, guidati dalla consapevolezza che il consumatore al quale ci rivolgiamo è evoluto e ricerca nel Parmigiano Reggiano qualcosa che va oltre la funzione pratica del prodotto” ha affermato Nicola Bertinelli, Presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano.

Il Parmigiano Reggiano viene quindi presentato come un alimento che accompagna il consumatore in tutti i momenti della sua giornata e della sua vita: un perfetto alleato per la salute e il benessere psicofisico, un “alimento della vita”.

Ricco di sostanze nutritive è indispensabile per la crescita dei bimbi, per la salute degli adolescenti e degli anziani e per fornire energia pronta a chi pratica sport.

La selezione degli ingredienti migliori e 100% naturali, il rispetto della stessa ricetta da mille anni, l’eccellenza della DOP riconosciuta in tutto il mondo: tutti questi sono atti d’amore. Amore verso la terra d’origine, la tradizione, la qualità. Come sono atti d’amore quelli che compie chi, ogni giorno, sceglie Parmigiano Reggiano per sé e per gli altri. Ecco perché quando si parla di Parmigiano Reggiano, si parla d’amore.

Questo è il concept della creatività ideata da Grey che prevede lo sviluppo di un progetto di comunicazione integrato. La campagna mette in scena situazioni diverse dove l’amore, in tutte le sue sfaccettature, è il tema centrale: un ragazzo davanti al futuro suocero, una coppia che discute, un bambino che fa la classica imbarazzante domanda al suo papà. Ed è nei dialoghi tra i protagonisti, battuta dopo battuta, che il rapporto tra l’amore e il Parmigiano Reggiano prende forma, per poi rivelarsi. L’indissolubile legame tra il formaggio più famoso al mondo e il sentimento per eccellenza è anche celebrato dal nuovo claim “Parmigiano Reggiano. Quello vero è uno solo.”

Tali attività rientrano all’interno del più ampio progetto di riposizionamento del Consorzio del Parmigiano Reggiano: un piano di comunicazione strutturato all’interno del quale l’agenzia Italia Brand Group ha curato lo sviluppo della nuova brand strategy comprese le fasi di restyling evolutivo della marca e il set-up di tutti gli elementi della nuova identity.

L’obiettivo è quello di elevare il percepito del marchio con una strategia di branding in grado di valorizzare l’heritage del Consorzio attraverso un’immagine più in linea con gli stili di vita di oggi.

Il primo passo del progetto è rappresentato dal restyling evolutivo del logo Parmigiano Reggiano caratterizzato da una nuova forma che richiama quella del prodotto. I colori, come l’oro e il nero rimandano a prodotti di fascia premium, mentre la font creata ad hoc, che riprende il sigillo a fuoco che il Consorzio appone sul prodotto, e il richiamo allo scalzo conferiscono maggiore identità al marchio. Ne scaturisce un’identità stilisticamente moderna con elementi della tradizione.

Il nuovo posizionamento punta, ora, a presentare Parmigiano Reggiano come alimento della vita: il prodotto ideale per chi sceglie uno stile di vita sano anche a tavola grazie a un alimento italiano, genuino, naturale e buono.

Falso Parmigiano Reggiano denunciato e ritirato 

Anche l’edizione 2017 di Anuga, la più importante manifestazione fieristica al mondo dedicata al food & beverage, segna un intervento del Consorzio del Parmigiano Reggiano che ha portato al sequestro di falso Parmigiano Reggiano.

Due prodotti con denominazioni chiaramente evocative rispetto a quelle in uso esclusivo al Parmigiano Reggiano (“Parmesan”) sono stati individuati all’Anuga di Colonia e denunciati dal Consorzio di tutela alle autorità tedesche.

Si tratta di formaggi recanti denominazioni in palese conflitto con la sentenza ottenuta dal Consorzio nel febbraio 2008 presso la Corte di Giustizia delle Comunità Europee, quando venne sancito che il termine “Parmesan” non è generico, ma rappresenta un’evocazione della denominazione “Parmigiano Reggiano” e non può essere utilizzato per formaggi non conformi al disciplinare della Dop italiana.

“La tempestività dell’intervento delle autorità tedesche a seguito della nostra denuncia – sottolinea il presidente del Consorzio, Nicola Bertinelli – si lega al fatto che, dopo anni di contenziosi, abbiamo ottenuto dall’Unione Europea una legislazione che non lascia dubbi in materia di tutela, prevedendo, tra l’altro, anche l’obbligo di tutela delle Dop ‘ex officio’ in tutti gli Stati membri della UE, con una responsabilità diretta dei Paesi membri in materia di vigilanza”.

“E’ proprio su queste basi – prosegue Bertinelli – che in Europa il nostro sistema di vigilanza e repressione ha quei livelli di efficacia che ancora non sono possibili in tutto il mondo. Fuori dall’Unione, si registra infatti un diffuso utilizzo ingannevole di richiami alla nostra denominazione e all’origine geografica del Parmigiano Reggiano, con evidenti ripercussioni negative sulle nostre possibili esportazioni”.

“Non è la prima volta – conclude il presidente del Consorzio, Nicola Bertinelli – che un sequestro avviene in una fiera internazionale così importante per le eccellenze agroalimentari, dove forse la spudoratezza spinge qualcuno a pensare che si allenti la rigidità dei controlli che avvengono sul mercato: il risultato è che, al contrario, è scattata la richiesta di sequestro immediato, che proprio in questa sede assume un clamore tale da scoraggiare a maggior ragione chi attua frodi o contraffazioni che sono già state oggetto di pesanti condanne per diverse imprese”.

Anuga rappresenta una piazza interessante per il Consorzio di tutela che, nei primi nove mesi del 2017, ha già registrato un incremento complessivo delle esportazioni pari al 4% e che si è dato l’obiettivo ambizioso di superare il traguardo delle 50.000 tonnellate esportate entro la fine dell’anno. La partecipazione agli appuntamenti fieristici internazionali rientra pertanto tra le azioni strategiche per accompagnare l’affermazione del prodotto nel mercato globale.

Parmigiano Reggiano, food of life

The Consortium of Parmigiano Reggiano presents with a new positioning, a new identity and a new advertising campaign

The Parmigiano Reggiano consortium’s communication changes form and substance and shows up to the consumer with a brand identity, a new press campaign and a new spot.

The new communication is the result of a deep reflection that led the Consortium to a positioning that aims to give value to the brand and to dialogue with the different target groups (those who cares about the family, cooks, women who are going to become mother, sportspeople, influencer, people who follows the trends, and cheese maker) everyone will find in Parmigiano Reggiano a “food of life”.

“We worked to strengthen communication with the aim of make consumer perceiving the plus and distinctive elements that make Parmigiano Reggiano DOP a cheese unique in the world. We are conscious that the consumer, to whom we turn, evolved and looks at Parmigiano Reggiano to find something that goes beyond the practical function of the product,” said Nicola Bertinelli, President of the Parmigiano Reggiano Consortium.

Parmigiano Reggiano is therefore presented as a food that accompanies the consumer at any time of the day and of life: a perfect ally for health and psychophysical well-being, a “food of life”.

Rich in nutrition, it is essential for the growth of children, for the health of teenagers and older people and for providing energy for those who play sports.

The selection of the best and 100% natural ingredients, the respect for the same recipe for a thousand years, the excellence of the DOP, recognized all over the world, all these are acts of love for the land of origin, tradition and quality. The same love of those who choose Parmigiano Reggiano every day for themselves and for others. That’s why when we talk about Parmigiano Reggiano, we talk about love.

This is the concept of creativity conceived by Grey, that involves the development of an integrated communication project. The campaign staged different situations where love, in all its facets, is the central theme: a young man in front of the future father-in-law, a couple who argues, a child who makes the classic embarrassing question to his dad. The dialogues between the protagonists, reveal, line after line, the relationship between love and Parmigiano Reggiano that takes shape and then comes out. The indissoluble link between the world’s most famous cheese and the most noble sentiment is also celebrated by the new claim “Parmigiano Reggiano. Only one is true. “

These activities fall within the larger repositioning project of the Parmigiano Reggiano Consortium: a structured communication plan within which the Italia Brand Group agency has developed the new brand strategy, including the evolutionary restyling phases of the brand and the set-up of all elements of the new identity.

The goal is to raise brand’s perception with a branding strategy that can enhance the Consortium’s heritage through an image that is more in line with today’s lifestyles.

The first step in the project is the evolutionary restyling of the Parmigiano Reggiano logo, characterized by a new shape that remembers the product. Colours such as gold and black refer to premium range of products, while the ad hoc font, inspired by the mark that the Consortium attaches to the product, and the remind of the wheel of cheese give greater brand identity. It creates to a modern identity with elements of tradition.

The new position now aims to present Parmigiano Reggiano as a food of life: the ideal product for those who choose a healthy lifestyle, also for what regards eating habits, thanks to an Italian, genuine, natural and good food.

False Parmigiano Reggiano denounced and withdrawn

The 2017 edition of Anuga, the most important trade fair in the world, dedicated to food & beverage, marks an intervention by the Consortium of Parmigiano Reggiano that has led to the seizure of fake Parmigiano Reggiano.

Two products with clearly evocative denominations, compared to those used exclusively for Parmigiano Reggiano (“Parmesan”), were identified at the Anuga in Cologne and denounced by the Consortium to German jurisdiction.

The name of these cheeses clashes with the judgment gained in February 2008 at the Court of Justice by the Consortium of the European Communities, when it was stated that the word “Parmesan” is not generic but represents an evocation of the denomination “Parmigiano Reggiano” and can not be used for cheeses that do not comply with the Italian Dop rules.

“The promptness of the intervention of the German authorities following our complaint – underlines the Consortium President, Nicola Bertinelli – is linked to the fact that after years of litigation, we have obtained from the European Union a legislation that leaves no doubt about protection, including the obligation to protect of Dop ‘ex officio’ in all EU Member States, with direct responsibility of vigilance of Member States. ‘

“It is precisely on these bases,” Bertinelli continues, “that our vigilance and repression system is so effective. That effectiveness is not yet possible in the whole world. Outside Europe there is a widespread misuse of references to our denomination and the geographical origin of Parmigiano Reggiano, with obvious negative repercussions on our possible exports. “

“It’s not the first time – concludes President of the Consortium, Nicola Bertinelli – that a seizure takes place at an international fair, so important for agro-food excellence, where perhaps shamelessness makes someone to think that there is less rigidity of controls on the market. The result had been the opposite: an immediate seizure request has been taken, which in this place, is so loud to discourage those who implement fraud or counterfeiting that have already been the subject of heavy convictions for different companies. “

Anuga is an interesting event for the Consortium of conservation, which, in the first nine months of 2017, has already recorded an overall increase of exports of 4%, and has been given the ambitious goal of overcoming the 50,000 tonnes exported within the end of year. Participation in international fair events is therefore one of the strategic actions to help product to affirm in the global marketplace.