Ocrim: “Grano, farina e…” 2017, cronaca di un successo annunciato

Ocrim: “Grano, farina e…” 2017, cronaca di un successo annunciato

logo_ocrimLe due giornate del 15 e 16 settembre hanno rappresentato un ulteriore traguardo per OCRIM, un traguardo raggiunto grazie alle competenze e alla passione di chi ha lavorato per rendere speciale l’evento “Grano, farina e…” edizione 2017, ma anche grazie ai tanti ospiti giunti a Cortona da tutto il mondo, che, con la loro presenza e attiva partecipazione, hanno dato conferma dell’importanza di questo evento, considerato il medium più importante attraverso il quale OCRIM esprime la propria contraddistinta politica comunicativa

OCRIM ha deciso di organizzare un evento che quest’anno è stato considerato “singolare” dai partecipanti, un evento costituito da confronti costruttivi ed esperienze uniche, attraverso cui OCRIM ha presentato le ultime innovazioni e i progetti su cui sta lavorando e ha raccontato gli obiettivi prefissati.

L’azienda cremonese ha scelto Cortona, poiché è una città che rappresenta, come Cremona, la tipica città pittoresca italiana, ma anche perché è un territorio su cui Bonifiche Ferraresi S.p.A., la più grande e importante azienda agricola in Italia e partner di OCRIM da oltre due anni, sta investendo. In questo modo, OCRIM ha avuto l’intento di dare il benvenuto agli ospiti a casa del proprio partner.

Venerdì 15 settembre tutti gli ospiti sono stati accolti nella tenuta di Bonifiche Ferraresi di Cortona, dove si è svolta la cena di gala. Federico Vecchioni, CEO di Bonifiche Ferraresi, ha dato il benvenuto e ha spiegato l’importanza della partnership tra OCRIM e Bonifiche, una partnership che ha un’importante risonanza che va al di là del settore agricolo e molitorio. Infatti, da questo sodalizio sono già nati importanti progetti, legati al settore agricolo e metalmeccanico, ma che vedono in primo piano anche la ricerca ingegneristica e agroalimentare, per un vero e proprio controllo della materia prima che poi verrà lavorata negli impianti OCRIM di tutto il mondo.

Vecchioni ha poi presentato un video che ha mostrato Bonifiche Ferraresi e il lavoro che sta portando avanti con OCRIM.

Tra gli ospiti era presente anche Roberto Moncalvo, presidente della Coldiretti, che, rivolgendosi al folto pubblico, ha espresso fiducia nei confronti dei nuovi progetti che OCRIM e Bonifiche stanno portando avanti. Ha poi preso la parola Alberto Antolini, CEO di OCRIM, che ha raccontato il motivo per cui è nata la partnership con Bonifiche, spiegando l’importanza di questa svolta nella carriera di OCRIM, poiché è entrata a far parte a 360 gradi della filiera agroalimentare e non è più esclusivamente fornitore di impianti e macchine.

Antolini ha poi raccontato qualche contenuto della giornata successiva, mostrando il trailer del video “Gente Matta”, da lui stesso ideato, che vede protagonisti i dipendenti della filiera OCRIM-PAGLIERANI-SACMS-BONIFICHE-GHIGI, per terminare con scene relative ai giocatori della squadra di baseball di San Marino, che, con la loro prestazione, sintetizzano il concetto di lavoro di squadra.

Infine, Sergio Antolini, vice-presidente di OCRIM, ha salutato gli ospiti e si è mostrato entusiasta per la grande partecipazione di questa edizione, resa speciale anche dalla inconsueta location toscana.

Sabato 16 settembre, presso il Centro Convegni S. Agostino di Cortona, si è tenuta una interessante conferenza che ha visto riuniti vari esperti. Le tematiche affrontate sono state varie, ma collegate l’una all’altra. Dopo la visione del video “Gente Matta”, presentato da Alberto Antolini, il direttore del dipartimento Ricerca&Sviluppo della Mühlenchemie GmbH Co. KG, Lutz Popper, ha aperto la giornata tecnica e si è concentrato sull’argomento degli additivi e, attraverso la sua relazione “Flour improvers: a basic information on enzymes and maturing agents”, ha dato informazioni preziose su enzimi e agenti maturanti. Molto spesso si manifesta perplessità nei confronti degli additivi utilizzati nel settore alimentare e questa perplessità appartiene molto all’Italia. Popper, in modo dettagliato e chiaro, ha spiegato e dimostrato come questi “pregiudizi” possano essere sfatati o messi in discussione.

Dopo Popper, è stata la volta di Fabio Vuoto, direttore dell’ufficio tecnico impianti di OCRIM, che ha parlato di “Sistemi di dosaggio OCRIM per macro e micro ingredienti”. Il suo intervento ha avuto lo scopo di analizzare le soluzioni impiantistiche e i macchinari che OCRIM produce per trattare il dosaggio degli ingredienti da aggiungere alle farine, sia nel molino che durante la raccolta delle stesse, che nelle linee di miscela per produzioni.

Maurizio Galbignani, direttore operativo di OCRIM, ha aperto la seconda parte della giornata partendo da un discorso legato a ciò che pochi mesi prima aveva promesso nel corso di “Grano, Farina e…” edizione 2016. Infatti, nella scorsa edizione, Galbignani affermava che OCRIM avrebbe introdotto, entro pochi anni, prodotti e innovazioni di alto profilo tecnologico, presentando un video con contenuti avveniristici che potevano sembrare inverosimili.

A distanza di meno di un anno, OCRIM ha mantenuto parte della promessa e, grazie al progetto legato alla realtà virtuale immersiva e interattiva, gli ospiti hanno potuto vivere l’esperienza virtuale di trovarsi di fronte a un laminatoio, di poter guardare al suo interno e interagire con la macchina. Questo prodotto è stato realizzato grazie alla tecnologia 3D già presente in OCRIM da tempo e il suo utilizzo permette di semplificare e perfezionare il lavoro di progettazione di un molino, di individuare per tempo gli eventuali errori, di poter usufruire di una formazione avveniristica e molto altro ancora…

Galbignani ha poi presentato il video aziendale “Uomo Invisibile”, un video in cui OCRIM parla in prima persona di sé, della sua storia, dei suoi progetti attuali e futuri, attraverso le parole e l’interpretazione di un attore.

È stata poi la volta di Marco Galli, direttore del dipartimento tecnologico di OCRIM, che ha parlato di “Sanitation: nuove frontiere”, tema sensibile per l’opinione pubblica, poiché relativo alla salute del consumatore, sempre più attento ed esigente per quanto riguarda la salubrità degli alimenti consumati. Galli ha spiegato come OCRIM si impegna, come produttore di impianti di trasformazione, a fornire soluzioni innovative per poter soddisfare le esigenze dei consumatori e per rispondere a problematiche sempre nuove.

Galli ha affermato che “ottenere e mantenere un alto livello di sanitation all’interno di un molino è un percorso complesso che necessita dedizione e costanza, ma è importante sapere che OCRIM studia e realizza soluzioni che possono facilitare l’ottenimento di questi obbiettivi.”

Stefano Mazzini, direttore commerciale di OCRIM, ha poi presentato il “BioStoneMill: l’evoluzione OCRIM”, dando informazioni utili relative al nuovo prodotto aziendale. Mazzini ha affermato che “ciò che il mercato vuole è seguire quelle che sono le tendenze dei consumatori. Oggigiorno ci si indirizza verso tendenze alternative e le farine sono in primo piano. Il BioStoneMill garantisce il connubio tra tradizione e innovazione, poiché la materia prima viene lavorata alla ‘antica maniera’, ma attraverso un macchinario innovativo, frutto dell’esperienza OCRIM che vanta oltre 70 anni e, inoltre, la stessa materia prima è sottoposta a un controllo attento prima di essere processato.”

La conferenza tecnica si è conclusa con il dibattito finale e tutti i relatori si sono riuniti al desk della sala conferenze per rispondere alle domande della platea.

Infine, è stato presentato un nuovo progetto da Francesca Bocchi, la scenografa (set designer) che collabora con l’azienda da alcuni anni. Si tratta di una casa nel centro storico di Cremona, pensata esclusivamente per i clienti, pensata per appagare qualsiasi esigenza dell’ospite. Bocchi, nel corso della presentazione, ha affermato che “guardarsi negli occhi, sedersi uno di fronte l’altro, confrontarsi di persona per noi è molto importante. La tecnologia (e-mail, internet, etc.) ha sicuramente ridotto le distanze, ma a discapito delle relazioni umane. Ed è per questo che stiamo progettando hO (HomeOcrim), una casa in cui vi sentirete a casa vostra in qualsiasi situazione vi troviate… e per lavoro… e per relax… e per convivio”.

L’evento si è concluso con una riflessione importante: l’esperienza di “Grano, farina e…” dà la consapevolezza di quanto sia utile l’incontro di idee e confronti, perché la trasmissione di concetti ed esperienze porta esclusivamente alla nascita di importanti progetti.

da-sinistra-a-destra---M.-Galli---L.-Popper---S.-Mazzini---F.-Vuoto“Grano, farina, e….” 2017: report of forgone success

September 15 and 16 have been another OCRIM’s goal, hit thanks to the expertise and passion of anyone working to make this year’s edition of “Grano, farina e…” (wheat, flour, and…) event special, but also thanks to all international guests, who confirmed the importance of this event, acknowledged as the most important medium through which OCRIM conveys its renowned communication policy

During this event, described as “unique” by the participants, through constructive debates and unique experiences, OCRIM presented its latest innovations and project, as well as its goals.

This Cremona-seated company chose Crotona as the stage of its event because not only is it a typical Italian picturesque city, just like Cremona, but also Bonifiche Ferraresi S.p.A. – a major agricultural company in Italy and OCRIM’s partner for more than two years – is investing in this territory. This way, OCRIM meant to welcome its guests to its partner’s home.

Friday 15th September, all the guests arrived at Bonifiche Ferraresi’s facilities in Crotona, for the gala dinner. Bonifiche Ferraresi’s CEO Federico Vecchioni explained the important length of the partnership between the two companies, which goes beyond the agriculture and milling sectors. In fact, from this alliance have stemmed relevant projects, connected to the agriculture and mechanics sectors, as well as engineering and agro-food research, a real control over raw material that will be processed at OCRIM plants across the globe.

Mr. Vecchioni also introduced a video about Bonifiche Ferraresi and its works in progress jointly with OCRIM. Among the guests also Coldiretti’s president, Mr. Roberto Moncalvo, who expressed its trust to the new projects that OCRIM and Bonifiche have been carrying out together.

In his speech, OCRIM’s CEO, Mr. Alberto Antolini explained the reason of the partnership with Bonifiche, of this new direction of OCRIM’s career, which fully entered the agri-food chain, and not only as a plant and machine supplier.

Mr. Antolini also anticipated some issues that would be presented on the following day, and showed the trailer “Gente Matta” (mad people) he himself conceived, whose protagonists are the people of the OCRIM-PAGLIERANI-SACMS-BONIFICHE-GHIGI chain, and the San Marino baseball team, whose performance conveys teamwork concept. OCRIM’s vice-president, Mr. Sergio Antolini greeted the guests and showed great enthusiasm for the remarkable participation in this edition, also made special by its unusual Tuscan location.

Saturday 16 September, at Crotona’s Conference Centre S. Agostino, an interesting conference was held with the participation of many experts, who discussed various albeit interconnected issues. After the video “Crazy People”, presented by Mr. Alberto Antolini, the director of the R&D department of Mühlenchemie GmbH Co. KG, Lutz Popper focused on additives and through its report “Flour improvers: a basic information on enzymes and maturing agents” provided precious information on enzymes and maturing agents. Enzymes used in the food sector very often arise doubts, especially in Italy. Popper thoroughly and clearly explained and evidenced how these “prejudices” can be debunked or discussed.

After Mr. Popper, the director of OCRIM plant technical department, Mr. Fabio Vuoto talked about “OCRIM dosing systems for macro- and micro-ingredients”, and analyzed OCRIM’s engineering solutions and machinery for the dosing of the ingredients to be added to flours, in the mill and during their collection, and mixture production lines.

Mr. Maurizio Galbignani, OCRIM’s operation manager, opened the second part of the day introducing what he had promised to some months previously on occasion of the 2016 edition of “Grano, Farina, e…”, with the support of a video whose content might seem futuristic and even impossible: to introduce highly technological products and innovations in few years.

In less than a year, OCRIM has kept part of its promise and thanks to a project connected to immersion and interactive reality, the guests experienced the virtual reality of a rolling mill, peer inside of and interact with it.

This project has been possible thanks to 3D technology, used by OCRIM for some time, and its use enables simplifying and perfecting mill design, detecting possible errors in advance, exploiting futuristic training, and much more.

Galbignani also presented a company video called “Invisible Man”, through which OCRIM describes itself, its history, present and future projects, through an actor’s words and interpretation.

Marco Galli, OCRIM’s technology director, focused on “Sanitation: new frontiers”. Popular opinion is quite sensible to this issue, for it is about consumers’ health, increasingly attentive and demanding in terms of food healthiness. Galli also explained how OCRIM as processing plant producer is committed to providing innovative solutions to meet consumers’ requirements and to tackle new problems.

Mr. Galli said that “getting and keeping a high level of sanitization inside a milling factory is a complex path that needs dedication and commitment, but it is important to know that OCRIM studies and creates solutions that help to hit these targets.”

Stefano Mazzini, OCRIM’s commercial manager, introduced “BioStoneMill”: OCRIM’s evolution”, and provided information on the new company product. Mazzini said “the market wants to follow consumer trends. Nowadays, we address alternative trends and flours are on the forefront. BioStoneMill guarantees the blending of tradition and innovation since raw material is processed following “ancient methods” by means of a new innovative machinery, fruit of OCRIM’s experience of more than 70 years; moreover, the same raw material also undergoes strict control before processing.”

A debate concluded the technical conference and all the speakers gathered at a desk at the conference room to answer the attendees’ questions.

In the end, a new project of set designer Francesca Bocchi’s – who has been cooperating with OCRIM for some years – has been presented: a home in Cremona city centre purposely thought for customers, to meet any demand of they may have. During the presentation, Ms. Bocchi stated that “to be eye-to-eye, one setting in front of the other, talking personally, is very important to us. Technology (e-mail, Internet, etc.) has certainly shortened the distance, but to the detriment of human relation. That is why we are designing hO–HomeOcrim, where you can feel at home always, for work, for relax, for cherished moments.”

The event concluded with an important thought: the experience of “Grano, farina, e…” gives us awareness of how ideas and debates are useful, because concept and experience sharing drive to the creation of important projects.