OCRIM e Paglierani hanno stupito a Ipack-Ima con uno stand...

OCRIM e Paglierani hanno stupito a Ipack-Ima con uno stand tra cultura e tecnologia

Welcome to the World of Wisdom” – questo è il saluto d’accoglienza scelto da OCRIM e Paglierani per ricevere gli ospiti, giunti da tutto il mondo, presso il proprio stand a Ipack-Ima 2018. Uno stand che, appunto, ha raccontato la saggezza di due aziende che hanno saputo coniugare cultura e alta tecnologia, attraverso l’esposizione delle ultime innovazioni, macchinari antichi (a testimonianza di un passato determinante per il successo presente), opere d’arte appartenenti sia allo scenario artistico classico italiano che moderno.

Un “percorso emozionale” ha tracciato le linee guida dell’intero stand, un percorso tracciato da quattro valori fondanti – abilità, tradizione, eccellenza e tecnologia – che hanno portato le due aziende ad essere considerate mastermind nel proprio settore.

L’incipit del percorso è stato costituito da un video del dr. Sergio Antolini, vicepresidente di OCRIM e amministratore delegato di Paglierani, in cui comunica la sua volontà di dedicare tutto il “risultato” del percorso, rappresentato metaforicamente da un libro pop up, alla propria famiglia e a tutti i dipendenti delle due aziende. 

L’abilità è stata rappresentata da un video che mostra le mani dei lavoratori guidate dall’intelletto e dall’esperienza, mentre il laminatoio modello 3D ha rappresentato il segno materiale del lavoro frutto di perizia tecnico-scientifica. La tradizione è stata riprodotta attraverso l’esposizione di un modello antico di bilancia Paglierani, un laminatoio OCRIM che ha lavorato nel Molino Harinero Sula S.A. (Honduras) per 43 anni e gentilmente concesso dall’azienda stessa per l’esposizione, e un fotogramma rivisitato, con tecniche moderne, della fonderia di OCRIM degli anni 50, a testimonianza di come e quanto la tradizione continui a vivere nel presente e a ispirare l’attività per il futuro. 

L’eccellenza è stata descritta attraverso i risultati importanti (riportati in cifre) raggiunti dalle due aziende. La tecnologia è stata rappresentata da un video che mostra gli stabilimenti OCRIM e Paglierani attraverso immagini veloci e futuristiche, a testimonianza del positivo dinamismo delle due aziende. Il percorso si è quindi concluso con la visione, sia materiale che in video, del libro pop up ricco di immagini che raccontano come è fatto un molino. Il libro pop up rappresenta il vero segno, visibile e tangibile, di un sogno che è stato concretizzato grazie all’osservanza e alla coscienza dei valori rappresentati dal percorso.

I numerosi visitatori hanno, inoltre, potuto vivere l’esperienza della Realtà Immersiva, sistema innovativo realizzato grazie al connubio tra il concetto del gaming e la tecnologia del 3D già utilizzata in OCRIM. L’impiego di questo sistema è assolutamente rivoluzionario, in quanto consente di usufruire di una formazione all’avanguardia, con una tecnologia unica che permette sviluppi avveniristici anche in ambito manutentivo. 

Il sistema della Realtà Immersiva era stato presentato per la prima volta nel corso di “Grano, farina e…” 2017, ha successivamente vinto il premio come miglior “product show case” alla fiera della IAOM USA lo scorso aprile ed è stato infine presentato nel contesto di Ipack-Ima 2018 in una versione avanzata rispetto alle precedenti. Il sistema, infatti, è stato potenziato in breve tempo anche grazie alla grande risposta e risonanza ottenute da parte di tutto il settore molitorio.

Ancora molte sono state le novità, in campo ingegneristico e tecnologico, presentate sia da OCRIM che da Paglierani. I tecnici di ambedue le aziende sono stati a disposizione di tanti visitatori incuriositi e interessati al nuovo laminatoio RMI-S di OCRIM e all’Impacchettatrice Automatica DA 40 di Paglierani. 

Il laminatoio RMI-S è stato concepito, progettato e realizzato per facilitare e potenziare il lavoro di chi vive il molino e vuole raggiungere il miglior risultato possibile, attraverso importanti accorgimenti relativi alla scelta dei materiali, strategie innovative di automazione e digitalizzazione. Anche il design realizzato per il nuovo laminatoio ha l’intento di “raccontare” l’estrazione avanguardistica che lo ha costituito e che lo ritrae: la sua forma, il suo design e la sua armonia cromatica diventano elementi indispensabili per una lunga convivenza dell’uomo con la macchina.

L’Impacchettatrice Automatica DA 40 di Paglierani racchiude oltre 30 anni di esperienza e ha visto più di 800 installazioni in 41 paesi di tutto il mondo, a conferma della grande fiducia da parte dell’intero settore del packaging nei confronti dell’azienda Paglierani.

Ci ha pensato NAO, robot “neoassunto” dell’OCRIM, a presentare, sia in inglese che in italiano, entrambe le macchine, risultando un’attrattiva interessante e particolare per i visitatori.

Presso lo stand di OCRIM e Paglierani, a destare ancora tanta curiosità e stupore è stata la presenza di famose opere d’arte, volute in fiera per comunicare l’eccellenza italiana anche da un punto di vista artistico-culturale: è stato esposto il famoso quadro “Il Supplizio di Sisifo”, appartenente alla Scuola dello Spagnoletto, sorvegliato a vista, 24h/24h. Una studiosa storica è rimasta a disposizione dei visitatori al fine di spiegare l’opera e il periodo storico in cui è stata concepita e realizzata. Inoltre, una riproduzione dell’opera “Faro”, scultura imponente (220×350 cm – diametro 60 cm) realizzata dal famoso artista Leonardo Blanco, è stata alloggiata all’interno dello stand, accanto al campo di grano e al BioStoneMill, raccontando, così, come la macchina sia il risultato del connubio tra avanguardia e tradizione.

Infine, il famoso pittore/writer Federico Santini è giunto in fiera per poter realizzare “Another Reality”, un quadro 5mx4m che ha preso forma e vita nel corso dei 4 giorni di Ipack-Ima, sotto gli occhi di una platea che non immaginava di trovarsi calata in una sorta di museo di arte postmoderna, essendosi recati a una fiera di taglio ingegneristico. “Another Reality” sarà installato nella sala convegni di OCRIM. 

Ma allora perché questa scelta? Come mai OCRIM e Paglierani si raccontano attraverso questi linguaggi che potrebbero sembrare distanti dalle loro realtà?

I fratelli Antolini, Alberto e Sergio, hanno più volte spiegato la loro volontà e necessità di coniugare la cultura con la tecnologia, cultura intesa come presa di coscienza e reale conoscenza delle proprie radici e delle grandezze del proprio Paese. Senza cultura e conoscenza non è possibile stabilire quali siano le necessità anche concrete e pratiche del proprio tempo, per cui l’alta tecnologia e l’approccio avveniristico sono dati soprattutto da questo livello di coscienza.

E intanto a Cremona…

Molti visitatori si sono recati presso la sede del porto canale di OCRIM, per poter constatare, in prima persona, i costruttivi investimenti dell’azienda, investimenti che sono stati tradotti in ampliamenti e potenziamenti. OCRIM mira ad ampliare la propria visione e identità di azienda metalmeccanica calata nel contesto molitorio. OCRIM lo ha dimostrato e continua a dimostrarlo.

Durante le giornate di Ipack-Ima, i visitatori sono stati portati a Cremona, da Milano, con l’elicottero che OCRIM ha acquistato alcuni mesi fa, per destinarlo soprattutto alle visite dei clienti, al fine di ottimizzare i tempi di trasferimento verso le aziende consociate che si trovano su tutto il territorio italiano.

Ogni giorno è stato possibile seguire on-line i momenti più salienti della fiera e in particolare della vita quotidiana dello stand di OCRIM e Paglierani, grazie a un video mandato in onda su un canale streaming dedicato di OCRIM (www.ocrim.com/site/stream.html). In questo modo, anche a chi non ha avuto l’occasione di partecipare di persona, è stata data la possibilità di unirsi al team di OCRIM/Paglierani e ai visitatori. 

Ipack-Ima 2018 è terminata con un piacevole momento di raccoglimento conviviale dei dipendenti OCRIM, momento spensierato dopo un lungo e costruttivo lavoro di relazioni e interazioni, tutti positivamente consapevoli delle strade e delle scelte intraprese dall’azienda e supportate dall’intero team che è sempre più orgoglioso di appartenere a questa bella e stravagante “tribù”. 

Ipack-Ima 2018 si è conclusa con un bellissimo e rituale lancio di cappellini OCRIM in aria in segno di un continuo successo.

OCRIM and Paglierani surprised at Ipack-Ima with a stand between culture and technology 

Welcome to the World of Wisdom” is OCRIM’s and Paglierani’s welcome for the guests coming from the world over to their stand at Ipack-Ima 2018. A stand that told of the wisdom of two companies, which have been able to combine culture with high technology, through their latest innovations, ancient machinery (to testify a past that is crucial for present success), masterpieces part of both classic and modern Italian art.

An “emotional path” set the guidelines at the stand and followed four foundation values – ability, tradition, excellence and technology – which have made the two companies considered as masterminds of their sector.

The incipit of the path was created by a video of OCRIM’s vice-president and Paglierani’s CEO dr. Sergio Antolini, in which he says his intention to dedicate the result of such path, metaphorically represented by a pop-up book, to his family and all employees of the two companies. 

The ability was represented by a video showing the workers’ hands guided by wit and experience, while the 3D model of the roller mill represented the material work, fruit of technical-scientific skills. Tradition was conveyed by an ancient model of Paglierani scale, an OCRIM roller mill that had been used at Molino Harinero Sula S.A (Honduras) for 43 years and exhibited on this occasion for the company’s kind permission, and a photogram revisited with modern techniques portrayed OCRIM foundry in the 50s, evidencing how tradition still lives nowadays and continues inspiring the company’s activity for the future.

Excellence was described by the companies’ important two-digit results. Technology was described in a video showing OCRIM and Paglierani factories in fast and futuristic images, to convey the two companies’ positive dynamism.

The path ended with the pop-up book, rich of pictures that explain what a mill consists of. The pop-up book is the real sign – visible and tangible – of a dream that has become reality thanks to observance and awareness of the values represented in this path.

The numerous visitors had also the change of experiencing the Immersive Reality, and innovative system created by combining the gaming concept with 3D technology, already used by OCRIM. The use of this system is absolutely revolutionary for it enables exploiting state-of-the-art training, unique technology that is likely to bring futuristic development also in terms of maintenance.

The Immersive Reality system has been presented for the first time on occasion of “Wheat, Flour, and…” in 2017, was awarded as the best “product show case” at trade fair IAOM USA last April, and also presented at Ipack-Ima 2018 in a more advanced version. In fact, the system has been empowered in short time also thanks to the great response and resonance received by the Milling sector.

Much more news from the engineering and technological field presented by both OCRIM and Paglierani. The technicians of the two companies were at the full disposal of the many visitors so interested in the new OCRIM RMI-S roller mill and Paglierani automatic packaging machine DA 40.

RMI-S roller mill has been thought, designed and manufactured to facilitate and enhance the job of those experiencing the mill and wanting to hit the best possible result, through important choices in terms of materials, innovative automation and digitalization strategies. The design of the new roller mill explains the state of the art that is it made of: shape, design, colours are crucial elements for long coexistence of man and machine.

Paglierani automatic DA 40 packaging machine holds 40 years of experience and more than 800 installations in 41 countries in the world over confirms packaging sector’s strong trust in Paglierani.

NAO, OCRIM’s “newly recruited” robot presented – in English and in Italian – both machines, thus drowning itself visitors’ special attention.

At the stand of OCRIM and Paglierani, famous masterpieces purposely exhibited to convey Italian excellence also from an artistic-cultural point of view stirred curiosity and amazement; famous “Torture of Sisyphus” belonging to Scuola dello Spagnoletto, was closely watched round the clock.

A history expert was at the stand at the visitors’ disposal to explain the painting, the time it was created. In addition, a reproduction of the impressive sculpture “Faro” (lighthouse) of famous artist Leonardo Blanco was also exhibited. The sculpture of 220x350cm – diam. 60 cm was placed at the stand next to the wheat field and BioStoneMill, thus telling how the machine is the result of perfect combination of avantgarde and tradition.

Famous painter/writer Federico Santini was present to create “Another Reality”, a painting the size of 5x4m that had been developed during the 4 Ipack-Ima days, before the eyes of the attendees who had not expected to experience a sort of post-modern art museum in an engineering trade fair. “Another Reality” will be moved to OCRIM conference hall.

Which is the reason for this decision? Why did OCRIM and Paglierani speak in a language that may seem so far from their reality? Antolini brothers, Alberto and Sergio have often explained their intention and need to combine culture with technology; culture intended as awareness of one’s roots and greatness of one’s Country. With nor culture or awareness, it is not possible to define which the real and practical requirements of our time are, therefore high-technology and futuristic approach mainly derive from this level of awareness. 

In the meantime, in Cremona …

Many visitors visited OCRIM premises at the canal port to see first-hand the company’s investments in extension and development. OCRIM aims to widen its vision and identity of engineering company in the milling sector. OCRIM has always proved so.

During the Ipack-Ima days, the visitors were invited to reach Cremona by OCRIM helicopter, bought some months ago and mainly used to customers’ visits, as to streamline their transfer to the sister companies in Italy all over.

Every day, it was possible to follow on-line the most important moments of the trade fair and the daily life at OCRIM and Paglierani stand in particular on www.ocrim.com/site/stream.html. This way, OCRIM gave the change of reaching the OCRIM/Paglierani team and visitors also to the people who could not attend the trade fair.

Ipack-Ima 2018 closed on a pleasant convivial and cheerful moment of OCRIM employees after such long and productive work of relationships and interaction, everybody positively aware of the routes and decisions taken by the company and supported by the whole team, increasingly proud to be part of this nice and extravagant group.

Ipack-Ima 2018 ended with the usual throwing of OCRIM hats into the air as a sign of continuous success.