GAI: selezionatrice 45012, un concentrato di alta tecnologia

GAI: selezionatrice 45012, un concentrato di alta tecnologia

GAI ha lanciato la macchina selezionatrice di bottiglie mod. 45012 che permette di individuare e scartare i vuoti difettosi prima che vengano riempiti e tappati

Mai più bottiglie esplose o difettose in fase di riempimento. Mai più scoppi con frammenti di vetro che rischiano di contaminare il processo di imbottigliamento con danni ai macchinari o lunghi tempi di sanificazione.
Dopo averla presentata al Simei@Drinktec dello scorso anno, GAI lancia sul mercato la macchina selezionatrice di bottiglie mod. 45012, un concentrato delle migliori tecnologie GAI per individuare e scartare i vuoti difettosi prima che vengano riempiti e tappati. Una soluzione semplice e innovativa, premiata con il Technological Innovation Award dal Comitato dell’Innovation Challenge “Lucio Mastroberardino” 2017, rivolta ai medi e piccoli imbottigliatori e produttori vitivinicoli (fino a 10.000 b/h) che ogni giorno si confrontano con i problemi dovuti al riempimento e alla chiusura dei vini, specialmente di quelli frizzanti e spumanti.
La selezionatrice GAI svolge un compito prezioso ed efficace: mira a eliminare gli arresti di produzione dovuti agli scoppi di bottiglie difettose o alle occlusioni nel collo, effettuando tutti i controlli in una fase precedente all’immissione dei vuoti all’interno delle linee di imbottigliamento e chiusura. Una soluzione che garantisce la sicurezza alimentare nei confronti dei consumatori e premia gli operatori aumentando la produttività della linea, evitando danni alle valvole di riempimento, arresti dei macchinari e tempi morti per la pulizia.
Sono tre le principali funzioni di analisi e controllo effettuate dalla selezionatrice GAI mod. 45012: stress della bottiglia per testare la capacità del vetro di resistere alla pressione; analisi del mantenimento della pressione; controllo del collo della bottiglia. Una coclea regolabile immette i vuoti all’interno della selezionatrice che, grazie ad una valvola ermetica, immette aria compressa all’interno della bottiglia. La pressione può essere impostata da PLC fino ad un massimo di 12 Bar. In questa fase possono avvenire due scenari: esplosione controllata in ambiente protetto (senza rischi di contaminazioni grazie ad un sistema di lavaggio e soffiaggio delle bottiglie adiacenti) oppure, se la pressione non è costante a causa di microfessurazioni nel vetro, individuazione del vuoto difettoso e successiva espulsione. L’ultima fase di controllo prevede il test del collo: mentre la bottiglia è ancora in pressione, un tastatore a molla verifica la dimensione del collo e l’eventuale presenza di occlusioni, con successiva possibilità di scarto.
La selezionatrice GAI mod. 45012 è stata progettata per la massima efficienza in fase di lavaggio e pulizia. È dotata di false bottiglie per la sterilizzazione ed è predisposta per un lavaggio automatico con sistema CIP. Il basamento della macchina è in versione roof per una facile evacuazione dei frammenti di vetro.

Bottle testing machine 45012, a sum-up of high technology

GAI bottle testing machine mod. 45012 enables detecting and rejective defective empty formats before their filling and closing

Never again exploding or defective bottles during the filling phase. Never again bursts with glass fragments risking contaminating the bottling process, with damages to machineries or long downtimes for their sanitation.
After its presentation during Simei@Drinktec last year, GAI places on the market the bottle testing machine mod. 45012, a sum-up of GAI best technologies to detect and reject the defective empty formats before their filling and closing. A simple and innovative solution, prizewinning with Technological Innovation Award by Innovation Challenge Committee “Lucio Mastroberardino” 2017, conceived for middle and small wine bottles and producers (up to 10,000 b/h), everyday facing the problems connected to wine bottling, above all in case of sparking products.
GAI bottle testing machine plays a valuable and effective task: it aims to avoid any stops in production due to defective bottles breakages or to the occlusions in the bottle neck, by operating all checks in the phase just before bottles convey to the filling and closing phases. A solution granting the food safety towards consumers and satisfying the operators, thanks to an increase in productivity, avoiding damages to the filling valves, stops in production and downtimes for cleaning.
The main functions of analysis and control operated by GAI bottle testing machine mod. 45012 are three: stressing the bottle, in order to verify its resistance to the pressure; analysis of pressure maintenance; control of the bottle neck. An adjustable infeed screw conveys the bottles to the testing machine, that, thanks to a sealed valve, introduces compressed air inside the bottle. Pressure can be set by PLC up to maximum 12 Bar. In this phase, two scenarios can occur: controlled explosion under safety conditions (without risks of contaminations thanks to a system of washing and blowing the adjacent bottles) or, if pressure is not constant because of microcrackings on the glass, detection of the defective bottle and consequent ejection. The last check is the testing of the neck: while bottle is still under pressure, spring tracer checks the neck dimension and the eventual presence of occlusions, with consequent possibility of ejection.
GAI bottle testing machine mod. 45012 has been designed to allow the maximal efficiency in phase of washing and cleaning. It is equipped with dummy bottles for the sterilization and is predisposed for an automatic washing cycle by a CIP system. The machine basement is in roof version to make easier the removal of glass fragments.